E-commerce

E-Commerce: strategie efficaci per diminuire l’abbandono del carrello e recuperare gli acquisti persi

Online-Shopping

 

Anche con il perversare della crisi, l’eCommerce continua a crescere in Italia, con tassi del 17%!

Ciò nonostante, chi vende su Internet lo sa, fare arrivare le persone sul proprio sito eCommerce non è che il primo passo… ciò che è più difficile è convertire queste visite in acquisti, evitando che il cliente ci ripensi, lasciando milioni di euro di acquisti nel carrello.

Le ricerche dimostrano che i tassi di abbandono dei carrelli sono in costante aumento ogni anno.

Nel 2011, il 69% dei carrelli sono stati abbandonati, nel 2012 si è passati a 72%; nel 2013 al 74% e nel 2014, ben 9 italiani su 10 hanno abbandonato il carrello!

Secondo una ricerca, però, ben il 75% degli utenti che hanno abbandonato il carrello, hanno dichiarato che prevedono di tornare sul sito eCommerce per fare un acquisto futuro.

Inoltre, il 63% dei carrelli abbandonati sono recuperabili da quei rivenditori online che utilizzeranno strategie di recupero.

Considerando che solo nel 2014 sono state registrate vendite per un valore di 13 miliardi di euro, si stima che la perdita di fatturato relativa al “carrello abbandonato” sia di circa 32 miliardi di euro all’anno.

I carrelli abbandonati, dunque, equivalgono a soldi non guadagnati, ragion per cui diventa necessario attuare strategie mirate per ridurre l’abbandono del carrello e per recuperare quelli abbandonati.

MA PERCHE’ GLI UTENTI ABBANDONANO IL CARRELLO?

Secondo un’indagine effettuata dal sito di analisi web Statista.com, ci sono 14 motivi per cui gli utenti solitamente abbandonano i carrelli (gli utenti avevano la possibilità di indicare più di una risposta).

Ecco le principali motivazioni:

  • Spese di spedizione e costi imprevisti (56%)
  • l’utente stava solo facendo una prova di come funzionava il carrello (37%)
  • ha trovato un prezzo migliore da un concorrente (36%)
  • il prezzo complessivo (merce + spese di spedizione) è troppo alto (32%)
  • ha cambiato idea sull’acquisto (26%)
  • il sito ha una navigazione troppo complicata (25%)
  • il sito ha crashato (24%)
  • la procedura per acquistare stava diventando troppo lunga (21%)

Cosa bisogna allora fare per ridurre il tasso di abbandono del carrello? Prevenire è meglio che curare… anche nell’eCommerce.

Ecco alcuni suggerimenti efficaci per aumentare i tassi di conversione nel tuo eCommerce ed evitare il più possibile l’abbandono del carrello. Continua a leggere….

Ti potrebbe interessare anche
E-commerce: se stai pensando di aprire un eCommerce questo è il momento giusto
Gli acquisti online aumentano ma le aziende italiane temporeggiano

Lascia un tuo commento

Il tuo commento*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.